Informarsi

Il mondo della finanza è in continua evoluzione.

Dall’esperienza di Private & Consulting un’intera sezione dedicata all’informazione: dai principali mercati e strumenti finanziari, alla nostra newsletter settimanale.


Servizi di Consulenza

http://www.privatesim.it/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/108387informarsi.jpglink
ETF, ETC, ETN

 

Gli ETF (Exchange Traded Funds) sono fondi che vengono acquistati e venduti in borsa esattamente come avviene per le azioni. In genere, ogni fondo è istituito per replicare il rendimento di un intero indice, mercato geografico o settore industriale con l'acquisto di tutte le azioni sottostanti in proporzione al loro peso. Gli ETF quindi consentono di replicare la performance di questi indici attraverso l'acquisto di una quota in ciascuno.

Un ETC (Exchange Traded Commodity) è un veicolo di investimento che replica la performance di una commodity sottostante o di un paniere di commodity. Si tratta di una variazione dell’ETF, che è stato introdotto negli Stati Uniti nel 1993 e lanciato nel Regno Unito nel 2000.

Gli ETF hanno un costo inferiore rispetto ai tradizionali fondi comuni. Solitamente i fondi comuni  hanno un TER compreso tra l’1%  e il  3%, mentre i costi degli ETF e degli ETC sono quasi sempre nel range 0,1%-1%. Nel lungo termine, queste differenze di costo possono portare ad una differenza notevole.

Gli ETN (Exchange Traded Notes) sono dei contenitori di obbligazioni strutturate emesse da una banca, negoziati come delle azioni. Possono replicare l’andamento di un indice di mercato o il prezzo di commodity al netto di una commissione di investimento. Non fruttano interessi e non distribuiscono cedole o dividendi. 

A differenza degli ETF, i sottoscrittori di ETN diventano creditori della banca emittente, esponendosi al rischio di controparte.  Si possono considerare gli ETN degli strumenti facenti parte della stessa famiglia di ETF e di ETC, ma con un grado di complessità e di rischio leggermente superiore.